mercoledì 9 agosto 2017

Angeli dalle colline

Angeli dalle collinne
di Aldo Giordanino
EDITRICE TIPOGRAFIA BAIMA-ROCCHETTI  (2013)



Aldo Giordanino è astigiano doc ed è innamorato di questa terra arcaica, dura, ospitale eppure distaccata dentro, gelida in inverno e afosa d'estate.
In questo libro di racconti, la sua piemontesità c'è e c'è questo amore profondo, viscerale che viene declinato in storie che sanno di antico. Storie che vengono dal passato e spaziano tra gli eretici catari, la Repubblica Astese durata la bellezza di tre giorni nel 1797, la passione per il ciclismo da Pantani a tornare a Gerbi, un campione astigiano degli albori del ciclismo, il tutto condito dalle parole del concittadino Paolo Conte.
Tra l'orgoglio dell'avvocato Secondo Arò per aver tentato di dare ad Asti una nuova libertà come all'epoca dei Liberi Comuni, al suo scoramento per il tradimento di concittadini che come bandiere sventolano dalla parte del più potente senza nemmeno lottare; tra l'orgoglio di far parte di un contingente piemontese che si dirige verso la Terrasanta e che in mare  partecipa alla battaglia di Lepanto il 7 ottobre del 1571e alla atroce rivelazione che uccidere in nome di un Dio è tutt'altro che santo e cristiano; tra la scoperta che ogni religione è come un dito della stassa mano; tra la professata fede cristiana e la scoperta di essere discendenti di ebrei battezzati "a tradimento", i racconti si snodano per strade a me conosciute ma presentandomele in un'altra epoca di cui sono rimaste ormai solo poche vestigia.

Piccole e grandi vicende danno vita e corpo a questi racconti. L'anima è quella dell'autore che scrive dii fatti accaduti in tempi lontani come se li stesse vivendo sul momento.
Se volete un angolo di Asti, perchè non scegliere questo libro?
Patricia

8 commenti:

  1. Cara Patrizia, io sono passato per lasciarti un mio caro saluto.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stella! Tu sei sempre gentile con me ed io ultimamente non ho avuto troppo tempo per nessuno di voi.
      Prometto he oggi vengo a trovarti. Scusa e susatemi tutti!
      Bacio

      Elimina
  2. Io non dimentico e al livore gratuito ( non tuo) rispondo comunicando sic et simpliciter la mia scrittura. A non risentirci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentilissimo Oblivious, come ho sempre detto dall'apertura del mio blog, questo salotto virtuale è aperto a tutti coloro che vogliono entrare, accomodarsi, leggere, chiacchierare, scherzare o essere seri.
      La regola primaria però è quella della buona educazione e della correttezza. Su quella NON TRANSIGO.
      Ritengo che si possa parlare, confrontarsi, celiare anche senza offendere nessuno.
      Ritengo che ognuno abbia il sacrosanto diritto di esprimere il proprio parere rispondendo ad un commento sul quale non si è in parte o del tutto d'accordo. Sempre però mantenendosi all'interno di quei confini invalicabili della correttezza e dell'educazione.
      Se qualcuno lo ha fatto con te su questo blog mi dispiace ma sinceramente io non ne ho trovato traccia. Nel caso però sei pregato di contattare direttamente e privatamente la persona interessata per chiarirvi le idee a vostro modo.

      Detto questo, concludo con un semplice e triste avviso.

      CHI CONTRAVVERRÀ A QUESTE SEMPLICI REGOLE MANCANDO DI BUONA EDUCAZIONE E CORRETTEZZA VERRÀ BLOCCATO IN MANIERA DEFINITIVA

      Chiedo pertanto a te e a tutti gli interessati di parlarvi privatamente se vi dovete insultare o altro. NON QUI.

      Spero di essere stata chiara con te e con tutti.
      Grazie a te delle visite anche se essere costretta a prendere decisioni simili mi dà veramente fastidio.
      Nemmeno sul blog è possibile stare in serenità?
      Patricia

      Elimina
  3. Anche io ho appena pubblicato in versione cartacea, che bello!
    Ottima presentazione, specie per me che non conosco il Piemonte.
    Grazie Patty, tanti baci!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DAvvero Luzia? Vengo a curiosare allora!
      Abbia pazienza ma ultimamente latito troppo.... :(
      Bacio stellina!

      Elimina
  4. Risposte
    1. Avevo scovato questa casa editrice in un angolino del salone del libro di quest'anno. C.e. piccola, locale, autori piemontesi sconosciuti,storie nostre, legate al nostro territorio. Potevo non lasciarmi tentare? 😅
      Della Repubblica Astese resta una parte del palazzo del podestà e una targa. Beh! Però, illusi o meno, almeno ci avevano provato

      Elimina